Chi siamo

Costituito nel 1969, appena un anno dopo l’adozione della doc (datata 28 maggio 1968), il Consorzio di tutela del Chiaretto e del Bardolino è stato tra i primi consorzi vinicoli attivi in Italia.

Le aziende socie garantiscono al Consorzio una rappresentatività pari a circa il 92% della produzione totale. In virtù di tale elevatissima quota di rappresentatività, il ministero delle Politiche agricole ha riconosciuto al Consorzio di tutela del Chiaretto e del Bardolino anche la funzione erga omnes sulle denominazioni.

A difesa del consumatore, per scelta del Consorzio, dalla vendemmia 2011 tutte le bottiglie di Bardolino e di Chiaretto di Bardolino recano obbligatoriamente sul collo la fascetta di Stato, un contrassegno che garantisce il consumatore contro i rischi di contraffazione del vino.

In aggiunta alle attività di legge, a favore dei produttori delle denominazioni il Consorzio del Chiaretto e del Bardolino e del svolge anche attività tecniche nel settore fitosanitario, con il rilevamento periodico, a partire dal 1982, dei dati climatici mediante capannine meteorologiche in varie località e con l’emanazione, in collaborazione col Servizio Fitosanitario Regionale e con le Cantine sociali della zona, di un bollettino settimanale volto al corretto programma di difesa antiparassitaria, nel rispetto degli operatori agricoli, del prodotto uva e dell’ambiente.